Press "Enter" to skip to content

Agende Rosse, Salvatore Borsellino, Mario Vaudano: solidarietà a Gaetano Pecoraro in seguito alle iniziative intraprese da Claudio Fava

15 Febbraio 2020

“C’è molta fantasia, c’è molta esuberanza nel momento in cui bisogna provare a mettere a tacere un giornalista. Una volta si pensava soltanto alle pallottole per posta. Adesso c’è un uso disinibito di strumenti di offesa diretta, ma a volte anche il ricorso strumentale ad artifici del diritto (…) con centinaia di querele e di azioni legali di risarcimento, spesso pretestuose esercitate, o semplicemente minacciate e agitate, con l’intenzione di intimidire e di indurre al silenzio. (…)

Abbiamo rivolto delle domande, peraltro non ruvide. Chi vi parla fa il giornalista e se andate a vedere come faccio il giornalista troverete che io le domande le faccio così a chiunque, perché le domande vengono fatte non per proporre risposte ma per ottenere elementi di verità, elementi di chiarezza, elementi di conoscenza. È utile, anzi, che certe audizioni siano il più possibile articolate, non siano soltanto uno sbrodolamento con mezza domanda e un quarto d’ora di risposta”.

Queste parole vennero pronunciate dall’onorevole e vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia Claudio Fava il 1 luglio 2015, in occasione dell’ “illustrazione ed esame della proposta di relazione sullo stato dell’informazione e sulla condizione dei giornalisti minacciati dalle mafie”, davanti alla Commissione presieduta dall’onorevole Rosy Bindi.

Sulla base delle sopracitate affermazioni, che sentiamo di condividere in pieno, siamo rimasti veramente amareggiati dall’azione intrapresa dall’attuale Presidente della Commissione regionale antimafia siciliana, Claudio Fava, contro il giornalista de “Le Iene” Gaetano Pecoraro (nella foto). Fava, in una conferenza stampa convocata ad hoc nel palazzo dell’Assemblea regionale Siciliana, accusa Pecoraro di averlo aggredito verbalmente durante un’intervista, contenente domande basate su dati asseritamente falsi, per più di 80 minuti. Ma, cosa ancora più grave, attribuisce un intento preciso al giornalista di Italia Uno, quello di voler intimidire la Commissione da lui presieduta. Infine comunica alla stampa l’intenzione di inviare, su deliberazione della Commissione (che ormai con lui si identifica, approvandone le relazioni all’unanimità – M5S, PD, FdI, FI ecc. – e con il consenso esterno del presidente dell’Assemblea regionale siciliana, nientemeno che Gianfranco Micciché, indimenticato sottosegretario all’Economia che riceveva un pusher al ministero), l’audio integrale di quella intervista alle procure di Ragusa e di Catania (per far che?) per le “opportune valutazioni”. Pecoraro, di contro, nega di avere aggredito, minacciato o intimidito Fava e la sua Commissione, aggiungendo di aver soltanto mosso critiche sul lavoro da loro svolto riguardo l’attentato all’ex presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci.

Gaetano Pecoraro, il cui nome il presidente Fava non ha citato neanche una volta nella sua denuncia pubblica, si è occupato spesso di temi riguardanti la mafia, siciliana e non. Siamo assolutamente sicuri della serietà, della cura, dell’impegno e della passione che Pecoraro mette nel suo lavoro, per averlo potuto apprezzare in occasione delle inchieste da lui svolte sui casi degli omicidi di Attilio Manca e di Antonino Agostino e Ida Castelluccio, che conosciamo bene. Messaggi di stima e di solidarietà nei confronti di Pecoraro sono arrivati, infatti, anche dai familiari di Manca e Agostino.

E’ noto a tutti che “l’esistenza di un vero e proprio diritto ad essere informati è stato ribadito sia dalla Corte costituzionale che dalla Corte europea per i diritti dell’uomo. Diritto che, in un regime di libera democrazia, implica la pluralità delle fonti, il libero accesso alle medesime, l’assenza di ingiustificati ostacoli alla circolazione delle notizie e delle idee. Diritto che va collocato, da una parte tra le garanzie di indipendenza dell’individuo nei confronti del potere e, dall’altra, tra i diritti di partecipazione in quanto insostituibile strumento per assicurare il concorso dei cittadini alla gestione della cosa pubblica”.

Anche queste sono parole sottoscritte, il 5 agosto 2015, da Claudio Fava nella “Relazione sullo stato dell’informazione e sulla condizione dei giornalisti minacciati dalle mafie” della Commissione parlamentare antimafia, della quale fu proprio lui estensore. Parole che, naturalmente, sentiamo di fare nostre.

Ci auguriamo che il Presidente Fava non abbia cambiato idea sul ruolo e sull’importanza del giornalismo libero in un Paese democratico e che non venga impedito ai cittadini italiani il diritto di formarsi la propria libera opinione guardando il servizio realizzato da Gaetano Pecoraro.

Salvatore Borsellino
Mario Vaudano
Angelina e Gino Manca
Nunzia Agostino
Movimento Agende Rosse

 

Articoli correlati:

Caso Antoci: il ‘mascariamento’ dell’attentato e la commissione anti antimafia

Caso Antoci: Le Iene rispondono a La Repubblica 

Attentato Antoci: ricompense per i Poliziotti che lo hanno sventato

 

 

Comments are closed.