Press "Enter" to skip to content

Attentato Antoci: ricompense per i Poliziotti che lo hanno sventato

Accogliamo con estremo piacere, nella mattinata odierna, che è andata a buon fine la proposta per la promozione al grado superiore per il personale della Polizia di Stato che la notte tra il 17 ed il 18 maggio 2016 aveva sventato l’attentato al dott. Antoci.

Un riconoscimento tardivo ma doveroso nei confronti di coloro che, nonostante le condizioni di tempo e di luogo fossero tutte a sfavore, riuscivano a mettere in salvo l’ex Presidente del Parco dei Nebrodi.

Tardivo soprattutto per l’ex Dirigente sindacale del SILP-CGIL di Messina, Tiziano GRANATA che purtroppo non potrà ricevere il premio perché inaspettatamente deceduto il 28 febbraio 2018. Quella notte Tiziano guidava l’autovettura con a bordo il Dirigente del Commissariato di P.S. di Sant’Agata di Militello ed è stato lui insieme al dott. MANGANARO ad intervenire contro gli attentatori a supporto del personale di scorta.

A distanza di tre anni ed otto mesi dall’attentato, il riconoscimento premiale ristabilisce una verità che però è stata messa in dubbio dalla Commissione Regionale Antimafia la quale attraverso la relazione conclusiva proprio sull’attentato al dott. Giuseppe Antoci, ha rappresentato una serie di congetture prive di ogni fondamento sulla ricostruzione dell’evento che si contrappongono al lavoro svolto dalla Polizia di Stato e della Magistratura gettando ingiustamente un’alea negativa sull’intera attività di indagine.

Illazioni, quelle della Commissione Regionale Antimafia, che sono state poi reiterate per bocca del suo presidente, Claudio Fava e dai consulenti, in occasione della conferenza stampa dell’8 ottobre 2019, nella quale gli stessi, nell’avvalorare la tesi secondo la quale il fallito attentato non fosse di matrice mafiosa con intenzioni stragiste ma tutt’al più potesse essere un atto dimostrativo, si spingevano ad affermare che l’ipotesi più accreditata sarebbe stata quella della messinscena e che, qualora fosse stata accertata tale ipotesi, la responsabilità sarebbe andata in capo a coloro che erano presenti sul luogo dell’attentato ovvero i quattro poliziotti.

Una conclusione, che noi del SILP-CGIL di Messina riteniamo inaccettabile e valutiamo il lavoro della Commissione Regionale Antimafia pessimo e strumentale ad incomprensibili e squallide logiche politiche. Questo organismo regionale evidentemente non è in grado di valutare le situazioni e rendersi conto di ciò che accade realmente nell’area dei Nebrodi a partire dagli interessi illeciti di Cosa Nostra che sono stati messi in gioco grazie al protocollo di legalità fortemente voluto dal dott. Giuseppe Antoci. La recente operazione dell’arma dei Carabinieri nell’ambito della mafia dei Nebrodi restituisce un dato concreto anche se spesso sottovalutato sugli affari criminali che gravano su quel territorio.

 

Sindacato Italiano
Lavoratori di Polizia Cgil
Segreteria Provinciale di Messina

 

Articoli correlati:

Caso Antoci: Le Iene rispondono a La Repubblica

Caso Antoci: il ‘mascariamento’ dell’attentato e la commissione anti antimafia

Agende Rosse, Salvatore Borsellino, Mario Vaudano: solidarietà a Gaetano Pecoraro in seguito alle iniziative intraprese da Claudio Fava 

 

 

Comments are closed.