Press "Enter" to skip to content

L’associazione socio-culturale “Simona Genco” per la Casa di Paolo

5 Gennaio 2018

di Roberta Gatani

L’Associazione socio culturale “Simona Genco” nasce grazie all’impegno di un gruppo di giovani che hanno voluto creare una realtà concreta in memoria di Simona Genco, una brillante studentessa universitaria di Ingegneria Aerospaziale, scomparsa pochi anni fa in un tragico incidente stradale.

Lo scopo dell’associazione, che ha sede a Calatafimi Segesta, in provincia di Trapani e non ha fini di lucro, è quello di svolgere attività di utilità sociale, attività culturali, formative, giuridiche e giudiziarie per la promozione, l’attuazione e la tutela degli interessi e dei diritti dei cittadini con particolare riferimento a coloro che si trovano in condizioni svantaggiate. L’associazione s’impegna in sostanza al servizio del bene comune, della cultura della legalità e della promozione umana nel ricordo vivo di Simona Genco, cui essa s’ispira.

Tra le tante iniziative, l’Associazione ogni anno, in prossimità del Natale, organizza una cena di beneficenza, “Un sorriso per la vita”, il cui ricavato viene destinato di volta in volta ad una realtà diversa, che operi comunque sulla stessa linea di impegno sociale.

Ed è così che quest’anno è stato deciso di destinare il ricavato di questa cena alla  Casa di Paolo.

La consegna è avvenuta nella vecchia Farmacia, in via della Vetriera, il giorno 30 dicembre, quando, ricevuti da Salvatore Borsellino, i genitori di Simona Genco, la presidente dell’Associazione, il vice presidente e altri rappresentanti hanno visitato la Casa di Paolo, che potrà, grazie anche al loro aiuto, offrire sempre più opportunità e occasioni di riscatto ai bambini che sempre più numerosi la frequentano.

Come scriveva Rita Atria:

“Forse un mondo onesto non esisterà mai, ma chi ci impedisce di sognare. Forse se ognuno di noi prova a cambiare, forse ce la faremo.”

Comments are closed.