Press "Enter" to skip to content

19-07-2018 Premiazione del concorso «Un giorno questa terra sarà bellissima» in ricordo di Laura Borruso

26 Luglio 2018
Salvatore Borsellino con una targa del concorso “Un giorno questa terra sarà bellissima”

del gruppo «Paolo Borsellino» di Palermo

«I mafiosi non sono solo quelli che sciolgono bambini nell’acido, che usano chili di tritolo per far saltare in aria le persone, che sparano pallettoni alla nuca a un uomo, che chiedono il pizzo per non incendiarti il negozio. Mafiosi siamo anche noi quando ci giriamo dall’altra parte, quando certifichiamo la nostra condizione di “nenti ‘mmiscatu cu nuddu” e rendiamo potenti i criminali, quando lasciamo che qualcuno combatta da solo una battaglia che riconosciamo giusta. Domani potrebbe accadere a noi di essere lasciati soli nella battaglia, e forse questo potremmo anche accettarlo, ma se dovesse accadere a nostro figlio, non lo accetteremmo mai. E abbiamo un sacco di figli per i quali combattere.»

Laura Borruso

Il 19 luglio 2018 sul palco di Via D’Amelio è avvenuta la premiazione del concorso «Un giorno questa terra sarà bellissima» indetto in ricordo di Laura Borruso, attivista del Movimento delle Agende Rosse e promotrice della ricerca della Verità e della Giustizia. Il concorso è stato fortemente voluto e portato a termine da Ferdinando Domè, Graziella Accetta, Massimo Sole, Giuseppe Castronovo, Davide Minio e Rosaria Melilli del gruppo «Paolo Borsellino» di Palermo del Movimento Agende Rosse. I lavori pervenuti, il cui denominatore comune è stata la forte consapevolezza delle scuole partecipanti dell’importanza della lotta all’illegalità e del valore del fare memoria, sono stati valutati da una commissione presieduta da Salvatore Borsellino.

Madrina d’onore della premiazione è stata la figlia di Laura,  Roberta Camilleri

Il primo premio consistente in un PC portatile e in un buono per la scuola del valore di 100 euro da spendere in libri presso la libreria Tantestorie di Palermo, è stato assegnato all’alunna Sannino Valeria dell’I.C. Abba Alighieri di Palermo con il video Un giorno, questa Terra sarà bellissima con la seguente motivazione:

«Perché il sogno ed il lavoro di Paolo Borsellino, creano ancora oggi, dopo 26 anni, note di musica nuova, ideate da giovani ragazzi, compositori di spartiti, pieni di parole di speranza, parole utili alla storia che appartiene a tutti noi, uomini, donne, ragazzi che, nel 1992 non erano ancora nati. Perché sui banchi di scuola è arrivata una nuova parola, basta! Basta, mai più violenza, silenzio. Perché oggi, la forza di parlare, gridare, cantare e ballare, la nuova musica del cuore, di un sogno, quello di Paolo. Un giorno questa terra sarà bellissima.»

 

Il secondo premio, consistente in un tablet, è stato consegnato alla Dirigente Natalia Scalisi dell’I.C.S. San Giuseppe Jato per il video Era il primo maggio con la seguente motivazione:

«Per la ricerca storica, per la narrazione semplice ma puntuale e precisa di un evento drammatico che ancora oggi dopo tantissimi anni ci ricorda quanto sia attuale il problema mafia-politica, quanto sia importante la Memoria.»    

Infine è stata anche consegnata una targa di merito all’Istituto Comprensivo Principessa Elena di Napoli di Palermo per un originale pezzo recitato di genere brillante dal titolo «Il Processo in Paradiso» interpretato dagli alunni della I A a Tempo prolungato dove si ipotizza un arrivo tramite un escamotage di due noti boss della mafia in paradiso e la scoperta dell’errore e l’istituzione di un fantomatico processo.

  

Una menzione speciale è andata anche alle scuole I.I.S.S. «Primo Levi» di Sarezzo e all’I.C.S. «Falcone- Cascino» di Piazza Armerina.

 

Album con tutte le immagini della premiazione

19-07-2018 Premiazione del concorso in ricordo di Laura Borruso

Comments are closed.