Press "Enter" to skip to content

Trattare con la mafia non è peccato

24 settembre 2021 –

Ieri è stato il giorno dello sconforto, oggi è il giorno della rabbia.

È lo scenario peggiore che potessi immaginare e che io avevo paventato già prima della sentenza di primo grado.

La trattativa c’è stata ma non è da considerare un reato.

Paolo, Agostino, Emanuela, Claudio, Vincenzo ed Eddie sono stati sacrificati per una pretesa ragion di Stato, perché hanno creduto che lo Stato non potesse trattare con i criminali mafiosi.

Per potere portare avanti quella scellerata trattativa, che ieri è stata dichiarata legittima, hanno spezzato la vita di Paolo e di tutta la sua scorta.

Ma questo non è uno Stato di diritto, uno Stato che accetta di trattare con l’antistato non può essere considerato tale e purtroppo anche la magistratura è ormai asservita alla politica e non possiamo più avere speranza di Giustizia.

È quello che dirò ai giovani nelle scuole, li inciterò a ribellarsi a tutto questo.

 

Salvatore Borsellino

 

Articolo correlato:
Processo trattativa, sentenza ribaltata