Press "Enter" to skip to content

Intervista in diretta a Nicola Gratteri

Il gruppo Agende Rosse di Torre Annunziata “Giancarlo Siani”, in data 26 aprile 2021 alle ore 18, intervisterà il magistrato Nicola Gratteri Procuratore della Repubblica di Catanzaro.

L’evento, il primo del neonato gruppo che si ispira ai valori della antimafia, alla ricerca della verità sulle stragi di stato ed alla lotta ai fenomeni illegali, verrà trasmesso in diretta sul sito ufficiale del Movimento delle Agende Rosse al seguente indirizzo: www.19luglio1992.com  ed in contemporanea da  facebook.com/GruppoGiancarloSiani

L’occasione sarà gradita per porre a Nicola Gratteri alcuni importanti interrogativi in merito non solo alla sua attività di magistrato, ma anche ai concetti di legalità e giustizia.

Nicola Gratteri attraverso un attento e scrupoloso lavoro di indagine è riuscito ad ottenere importanti e significativi risultati non ultimo con l’indagine “Rinascita Scott” che ha portato a numerosi arresti di esponenti di spicco della ‘ndrangheta calabrese. 

L’incontro si propone anche di provare ad analizzare, la recente sentenza della Corte Costituzionale, sull’ergastolo ostativo per i condannati all’ergastolo per reati di mafia, ha rilevato che la “disciplina ostativa, facendo della collaborazione l’unico modo per il condannato di recuperare la libertà, è in contrasto con gli articoli 3 e 27 della Costituzione e con l’articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo“.

Una sentenza che è stata definita da più parti come “uno schiaffo” assestato a tutte le vittime di mafia e che richiama le indicazioni contenute nei famosi “pizzini” di Totò Riina.

La trattativa stato-mafia sembra ancora presente e continua ad ottenere risultati. Ai cittadini il compito di vigilare ed incidere affinché la cultura mafiosa scompaia dal dna dei nostri giovani.

Sarà possibile interloquire in diretta con Nicola Gratteri ponendo domande attraverso la apposita chat.

 

Torre Annunziata, 20/04/2021

Agende Rosse Torre Annunziata

Gruppo “Giancarlo Siani”