Press "Enter" to skip to content

Maremma: una settimana intensa con Angelo Corbo e Francesco Mongiovì

Francesco Mongiovì, Romina Sani, Francesca Bianchi e Angelo Corbo nella Sala Consiliare di Cinigiano (clicca per ingrandire)

di Patricia Ferreira e Guido di Gennaro

Resoconto di una settimana intensa con Angelo Corbo e Francesco Mongiovì, già componenti della scorta del giudice Giovanni Falcone

Da lunedì 28 maggio a venerdì 1° giugno 2018 abbiamo condiviso con Angelo Corbo e Francesco Mongiovì, già componenti della Quarto Savona 15, nome in codice della scorta del giudice Giovanni Falcone, un totale di 13 incontri, otto nelle scuole e cinque aperti al pubblico organizzati dal nostro Gruppo Agostino Catalano – Maremma nell’ambito del progetto «Proteggere Falcone, proteggere la legalità». Un piccolo tour de force a cui Angelo e Francesco si sono sottoposti con grande generosità, raccontando ogni volta qualcosa di diverso, adattando ai diversi ascoltatori il messaggio sempre positivo e pieno di speranza a favore della legalità, o meglio della «responsabilità» come dice Francesco.

La prima scuola
e il passato
che non dobbiamo perdere

(clicca per ingrandire)

Lunedì, la prima scuola è stata la Dante Alighieri di Grosseto, dove gli studenti di tre classi di seconda media hanno ascoltato con interesse le testimonianze di Angelo e Francesco, soltanto due giorni dopo l’incontro di preparazione che si era svolto il sabato precedente. La sera, l’incontro nella sala conferenze della CGIL di Grosseto recentemente intitolata a Calogero Cangialosi, sindacalista e vittima di mafia e degli agrari, è iniziato con il saluto di Sonia Grechi, nipote di Cangialosi. Sonia stessa ci ha confidato poi che era quasi più emozionata del giorno dell’intitolazione. Il pubblico, nonostante l’orario (l’incontro è finito verso le 23:30!) ha dimostrato un grande interesse. La nostra intuizione di continuare idealmente il percorso dal titolo «Non perdere il passato per trovare il futuro» iniziato il 4 maggio con la intitolazione della sala ha trovato piena conferma. La serata è finita dai nostri amici della birreria Hungry Years, Marco e Donatella, che ci hanno accolto con la loro solita gentilezza nonostante fosse oltre mezzanotte.

Paganico,
Cinigiano
e la fretta delle Clarisse

(clicca per ingrandire)

Martedì, la prima trasferta. Con poche ore di sonno, poco prima delle 8 di mattina eravamo alla Scuola Media di Paganico. Dopo aver risolto qualche piccolo inconveniente tecnico con il proiettore, l’incontro è iniziato con il saluto del sindaco, Alessandra Biondi. Erano presenti anche l’assessore alla cultura del Comune di Civitella Paganico, Piero Cortecci, e il maresciallo dei Carabinieri Massimo Battisti. Anche qui, ragazzi molto attenti e domande interessanti, sia da parte degli studenti che degli insegnanti presenti. L’incontro successivo si svolgeva nella Sala Consiliare del Comune di Cinigiano, con la presenza degli studenti della Scuola Media e di alcuni adulti. Una sala bella e luminosa che ha fatto da cornice a un incontro molto interessante, conclusosi con gli interventi del sindaco, Romina Sani, e del vicesindaco, Francesca Bianchi. Quando è arrivato il momento delle foto e abbiamo proposto a Romina di farsi immortalare con la nostra Agenda Rossa del 1992, ha risposto «Questo va oltre Romina, ci vuole la fascia!». Ed ha subito indossato la fascia tricolore. Per pranzo siamo stati ospiti del Sindaco al ristorante «Il Rintocco» di Cinigiano, dove il proprietario ha regalato ad Angelo e Francesco una bottiglia di vino. Nel pomeriggio si è svolta la presentazione del libro di Angelo Corbo «Strage di Capaci – paradossi, omissioni e altre dimenticanze» presso la sala Clarisse Arte. Ha dialogato con l’autore e con Francesco il nostro amico e giornalista Carlo Sestini che, come al suo solito, ha dimostrato una profonda conoscenza del libro, ma non si è limitato a questo. Anche le domande rivolte a Francesco sono state molto precise e interessanti, come se si conoscessero da molto tempo. Purtroppo, la rigidità dell’orario di chiusura della sala ha interrotto la presentazione prematuramente e non ha lasciato tempo per il firmacopie né per le foto e i contatti informali con il pubblico che solitamente avvengono dopo un evento di questo tipo.

Un anniversario speciale:
la Scuola Familiare
e il documentario
per riflettere su mafia e politica

(clicca per ingrandire)

La giornata di mercoledì era per noi molto particolare, perché coincideva con il nostro sesto anniversario di matrimonio. Al mattino abbiamo incontrato la Scuola Familiare e la comunità di Nomadelfia, sotto una pioggia che non era proprio prevista. Al nostro arrivo siamo stati cordialmente ricevuti da Zeno, con cui nei giorni precedenti avevamo concordato i dettagli dell’incontro telefonicamente. Nella “Sala della cultura” era già tutto pronto per l’incontro, che è stato anche trasmesso sul canale televisivo interno di Nomadelfia. C’erano studenti di diverse classi, i più giovani erano della quinta elementare. Hanno ascoltato con grande disciplina e attenzione le testimonianze di Angelo e Francesco e poi sia i ragazzi che gli adulti hanno fatto delle belle domande. Per pranzo siamo stati ospiti di uno degli 11 gruppi familiari e abbiamo così potuto «assaporare» l’ambiente di semplicità e fraternità che si respira a Nomadelfia. Dopo pranzo, Zeno ci ha accompagnati a fare un giro per tutto il territorio, poi ci ha regalato molto materiale su Don Zeno e su Nomadelfia e ci ha salutati. L’incontro serale si è svolto presso il Cinema Stella, con l’ottimo apericena del nostro amico Beppe (Bar – Trattoria Da Beppe – DLF) e con la proiezione del documentario «In un altro paese» curata con la consueta professionalità da Gianni Burronni.

Mattina in terra di Siena,
pomeriggio a Fonteblanda

(clicca per ingrandire)

La mattina di giovedì siamo partiti poco dopo le 7:30 da Grosseto verso Siena. I due incontri presso l’Istituto Sarrocchi hanno permesso ad Angelo e Francesco di parlare a circa 300 studenti. Ma hanno soprattutto permesso loro di conoscere alcuni ragazzi che si sono avvicinati alla fine degli incontri e con cui hanno potuto approfondire i discorsi fatti. Hanno, per esempio, cercato di convincere un ragazzo ad avere fiducia nelle istituzioni. Abbiamo pranzato in un bellissimo locale del centro di Siena, l’Enoteca I Terzi, ospiti del nostro amico scrittore Carlo Legaluppi. Nel pomeriggio c’era l’incontro pubblico a Fonteblanda. Siamo arrivati con un leggero ritardo, ma la prof.ssa Maria Elena Pavone ci ha fatto trovare tutto pronto e dopo qualche minuto per collegare il computer al proiettore l’incontro è iniziato. La proprietaria dell’albergo Cala di Forno che ha messo a disposizione la sala è stata molto gentile. Nel pubblico c’erano adulti e anche alcuni ragazzi della scuola. Con grande generosità, e nonostante la stanchezza, Angelo e Francesco hanno condiviso le loro esperienze con i presenti per oltre due ore.

Ragazzi attenti raccontano Capaci,
testimonianza nelle Scuole Cattoliche
e incontro finale nella Sala Consiliare

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

Venerdì mattina il primo incontro è stato nella Scuola Media di Fonteblanda. Appena arrivati nell’aula, gli studenti si sono immediatamente alzati in piedi, un gesto che ci ha particolarmente colpiti. Erano presenti anche il vicesindaco di Orbetello, Avv. Chiara Piccini, e la dirigente scolastica Roberta Capitini, oltre alla prof.ssa Maria Elena Pavone che ha organizzato l’incontro. Poiché alcuni degli studenti in classe avevano partecipato all’incontro della sera precedente, Angelo e Francesco hanno chiesto a loro di raccontare ai compagni la strage di Capaci. Con nostro grande stupore, i ragazzi ricordavano tutto quello che era stato detto, anche nei minimi particolari. Quando dopo due ore l’incontro è finito, abbiamo fatto molta fatica ad andare via, perché i ragazzi volevano continuare a parlare. Alle 11 e qualche minuto siamo arrivati all’aula magna dei Licei G. Chelli e della Scuola Media Madonna delle Grazie di Grosseto. Anche questo è stato un bellissimo incontro, con le interessanti domande poste dalla dirigente scolastica Paola Biondo. E anche qui, a fine incontro, Angelo e Francesco si sono intrattenuti con alcuni ragazzi molto interessati. Dopo un ottimo pranzo alla Trattoria del nostro amico Beppe (DLF), ci siamo recati alla Sala Consiliare del Comune di Grosseto per l’ultimo incontro, organizzato dalla Società Dante Alighieri e dal polo liceale Pietro Aldi di Grosseto. Dopo i saluti del Dirigente Scolastico Dott. Roberto Mugnai e del presidente del Comitato di Grosseto della Società Dante Alighieri Dott. Marco Monaci, Angelo e Francesco hanno condiviso con il pubblico presente le loro testimonianze e hanno risposto alle domande, in particolar modo a quelle dei ragazzi del Liceo Scientifico del polo liceale Pietro Aldi di Grosseto.

Paganico
chiama Brancaccio

La sera, dopo la partenza di Angelo, c’è stato ancora il tempo di ritornare a Paganico insieme a Francesco per partecipare alla cena multietnica, a cui eravamo stati invitati dalla prof.ssa Mariagrazia Bartalucci. E tra un boccone e l’altro, è nata l’idea di fare un gemellaggio tra la scuola di Paganico e una scuola di Brancaccio!

L’attestato
di partecipazione

A tutte le scuole che hanno partecipato attivamente al nostro progetto «Proteggere Falcone, proteggere la legalità» abbiamo consegnato un attestato di partecipazione che è stato ricevuto ogni volta con grande emozione. Anche se, come abbiamo sempre detto, la cosa più importante per noi è il segno che resta dopo questi incontri dentro ognuno dei partecipanti, quando per un momento riescono a toccare con mano la storia recente grazie alle testimonianze dei protagonisti.

Una settimana intensa,
emozioni indescrivibili,
un’amicizia che si rinsalda

Insomma, una settimana molto intensa, che ci ha regalato emozioni praticamente impossibili da descrivere e ha approfondito ancora di più la condivisione con Angelo e Francesco che era iniziata lo scorso ottobre, durante la loro prima visita in occasione della Festa di Santa Lucia. Lo abbiamo detto in qualche incontro, e ci piace ripeterlo qui, grazie a loro adesso siamo più consapevoli dell’importanza delle scorte, dell’altissimo valore di questa scelta, e ci sentiamo anche noi un po’ parte della Quarto Savona 15.

Grazie Angelo e Francesco!

Foto degli eventi suddivise per album
cliccare sul lato dell’immagine per far scorrere le foto
cliccare sull’immagine per accedere all’album

28-05-2018 Scuola Media Dante Alighieri – Grosseto
28-05-2018 S. M. DANTE ALIGHIERI - GROSSETO

 

28-05-2018 Non perdere il passato per trovare il presente – Sala Cangialosi GCIL di Grosseto
28-05-2018 NON PERDERE IL PASSATO-CGIL di GROSSETO

 

29-05-2018 Scuola Media M. Tozzi di Paganico (GR)
29-05-2018 S. M. TOZZI PAGANICO (GR)

 

29-05-2018 Sala del Consiglio del Comune di Cinigiano (GR) con gli alunni della Scuola Media Buonarroti
29-05-2018 SM BUONARROTTI - CINIGIANO (GR)

 

29-05-2018 Presentazione del libro di Angelo Corbo «Strage di Capaci» alle Clarisse di Grosseto
29-05-2018 STRAGE DI CAPACI DI A. CORBO ALLE CLARISSE - GROSSETO

 

30-05-2018 Nomadelfia (GR)
30-05-2018 NOMADELFIA (GR)

 

30-05-2018 Cinema Stella di Grosseto
30-05-2018 CINEMA STELLA

 

31-05-2018 Istituto Sarrocchi di Siena
31-05-2018 ISTITUTO SARROCCHI SIENA

 

31-05-2018 Hotel Cala di Forno a Fonteblanda (GR)
31-05-2018 HOTEL CALA DI FORNO - FONTEBLANDA (GR)

 

01-06-2018 Scuola Media di Fonteblanda (GR)
01-06-2018 S. M. DI FONTEBLANDA (GR)

 

Scuola Media Madonna delle Grazie e Licei Chelli di Grosseto
01-06-2018 S. M. MADONNA DELLE GRAZIE E LICEI CHELLI - GROSSETO

 

01-06-2018 Sala del Consiglio Comunale di Grosseto (Società Dante Alighieri e Liceo Scientifico)
01-06-2018 SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI E LICEO SCIENTIFICO - GROSSETO

articolo correlato: «Proteggere Falcone, proteggere la legalità»: Angelo Corbo e Francesco Mongiovì a Grosseto dal 28/5 al 01/6

Comments are closed.