Press "Enter" to skip to content

Maremma: dono di Agende Rosse e contributo alla Casa di Paolo

Scuola di Roccastrada – da sinistra, Patricia Ferreira, Guido di Gennaro, Marzia Prando e Chiara Ceccarelli (clicca per ingrandire)

Promosso da Agende Rosse, in collaborazione con Auser Ribolla e SPI-CGIL, al via il progetto «La resistenza dei valori, la resistenza degli ideali» nelle scuole di Ribolla e Roccastrada (GR)

di Patricia Ferreira e Guido di Gennaro

Nei giorni scorsi è iniziato presso le classi terze delle Scuole Secondarie di 1° grado di Ribolla e Roccastrada dell’IC «Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana» il progetto intitolato «La resistenza dei valori, la resistenza degli ideali» promosso dal Gruppo Agostino Catalano del Movimento delle Agende Rosse in collaborazione con Auser Ribolla e S.P.I. – CGIL. Lo scopo del progetto è duplice. Da una parte, sensibilizzare gli alunni sui temi della legalità e dall’altra fornire loro gli strumenti necessari perché possano acquisire più consapevolezza nel riconoscere i fenomeni mafiosi nella società in cui vivono.

Scuola di Ribolla – L’Agenda Rossa viene presentata ai ragazzi, pochi momenti prima che ciascuno ne riceva in dono una copia. (clicca per ingrandire)

Nel corso del primo incontro, gli studenti hanno visto con interesse e commentato, insieme ai coordinatori del Gruppo Guido di Gennaro e Patricia Ferreira, il film di Pif «La mafia uccide solo d’estate». Inoltre, alla fine dell’incontro le rappresentanti di Auser, Marzia Prando, e S.P.I.-CGIL, Chiara Ceccarelli, hanno consegnato a tutti i partecipanti una copia del volume «Paolo Borsellino e l’agenda rossa». Si tratta di una pubblicazione creata dalla redazione del sito ufficiale del Movimento delle Agende Rosse (19luglio1992.com) in occasione del 17° anniversario della strage di Via D’Amelio, quando per la prima volta Salvatore Borsellino, fratello minore del giudice Paolo, ha convocato le Agende Rosse a Palermo.

Il progetto prevede altri incontri e si concluderà il 21 marzo con un evento in occasione della giornata nazionale in ricordo delle vittime di mafia.

«Il progetto – dichiarano Marzia Prando di Auser Ribolla e Chiara Ceccarelli di S.P.I.-CGIL – vuole essere l’inizio di un patto tra associazionismo, istituzione e scuola, per dare senso e continuità all’educazione alla legalità nei confronti dei minori, potenziando la scuola come spazio aperto alla cultura e luogo di incontro e anche instaurando forme di collaborazione con la “Casa di Paolo” a Palermo a iniziare da una donazione annuale, unica forma di finanziamento.»

Comments are closed.