Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home
19 luglio 1992 La strage di Via D'Amelio dove persero la vita: Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Claudio Traina, Emanuela Loi, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli,

02

Nov

2008

Pio La Torre, mio nonno ucciso una seconda volta PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Marco La Torre   
 


Pio La Torre (fonte: il BLOG di Eugenio Pari)

 
Pio La Torre era mio nonno. Avevo tre anni quando é stato ucciso, e sono 26 anni che mi chiedo come sarebbe stato parlare, vivere e confrontarmi con lui. Mi sono convinto che l´esempio ed il modello che lui ha dato morendo fossero la ricompensa della privazione che ho avuto. Ora sono un medico di 29 anni e mi sento derubato anche di questo.

Scrivo ora, a piú di un mese dalla dichiarazione del Sindaco Giuseppe Alfano di cancellare l´intitolazione dell´aeroporto di Comiso a Pio La Torre, perché ho voluto che le riflessioni che oggi rivolgo, fossero private, di quel giusto, ma poco costruttivo, contenuto di ira e frustrante indignazione di cui all´indomani dell´accaduto erano piene.

Leggi tutto...
 

01

Nov

2008

L´ultima lettera di Paolo Borsellino PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Paolo Borsellino   

Questa è l'ultima lettera di Paolo Borsellino, scritta alle 5 del mattino del 19 Luglio 1992, dodici ore prima che l'esplosione di un'auto carica di tritolo, alle 17 dello stesso giorno, davanti al n.19 di Via D'Amelio, facesse a pezzi lui e i ragazzi della sua scorta.
Paolo si alzava quasi sempre a quell'ora. Con quella sua ironia che riusciva a sdrammatizzare  anche la morte, la sua morte annunciata, diceva che lo faceva "per fregare il mondo con due ore di anticipo" e quella mattina cominciò a scrivere una lettera alla preside di un liceo di Padova presso il quale avrebbe dovuto recarsi a Gennaio per un incontro al quale non si era poi recato per una serie di disguidi e per i suoi impegni che non gli davano tregua.

Leggi tutto...
 

27

Ott

2008

Discorso pronunciato da P.Calamandrei al III Congresso dell'Ass.ne a difesa della scuola nazionale PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Piero Calamandrei   
Su gradita ed assolutamente condivisa sollecitazione di un utente di questo sito, nike-name Curtis, riportiamo la versione completa del discorso di Piero Calamandrei, citato solo parzialmente nel post su questo sito dal titolo 'Discorso di Piero Calamandrei in difesa della scuola nazionale'.
Come dice Curtis, Piero Calamndrei, strenuo antifascista, membro della Consulta nazionale e poi della Costituente, deputato alla Camera dal 1948 al 1953, "fu un grande pensatore, capacie di esprimersi im maniera mirabilmente chiara e diretta, le sue parole sono PERLE".
Una vera riforma della scuola dovrebbe prevedere l'obbligo di leggere TUTTI i suoi scritti nelle scuole di ogni ordine e grado.

Discorso pronunciato da Piero Calamandrei al III Congresso dell'Associazione a difesa della scuola nazionale (ADSN), Roma 11 febbraio 1950

Piero Calamandrei
Roma 11 febbraio 1950

Cari colleghi,
Noi siamo qui insegnanti di tutti gli ordini di scuole, dalle elementari alle università [...]. Siamo qui riuniti in questo convegno che si intitola alla Difesa della scuola. Perché difendiamo la scuola? Forse la scuola è in pericolo? Qual è la scuola che noi difendiamo? Qual è il pericolo che incombe sulla scuola che noi difendiamo? Può venire subito in mente che noi siamo riuniti per difendere la scuola laica. Ed è anche un po' vero ed è stato detto stamane. Ma non è tutto qui, c'è qualche cosa di più alto. Questa nostra riunione non si deve immiserire in una polemica fra clericali ed anticlericali. Senza dire, poi, che si difende quello che abbiamo. Ora, siete proprio sicuri che in Italia noi abbiamo la scuola laica? Che si possa difendere la scuola laica come se ci fosse, dopo l'art. 7? Ma lasciamo fare, andiamo oltre. Difendiamo la scuola democratica: la scuola che corrisponde a quella Costituzione democratica che ci siamo voluti dare; la scuola che è in funzione di questa Costituzione, che può essere strumento, perché questa Costituzione scritta sui fogli diventi realtà [...].
Leggi tutto...
 

27

Ott

2008

"Discorso sulla Costituzione" di Piero Calamandrei PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Piero Calamandrei - Introduzone di Enrico Colombi   

Una Costituzione nata dalla Resistenza - Piero Calamandrei

Enrico Colombi, 17-11-2004


Nel gennaio 1955 organizzammo il Ciclo di Conferenze sulla Costituzione all'Umanitaria di Milano che fu inaugurato dalla memorabile "lezione" di Piero Calamandrei. Il suo discorso breve, semplice, chiaro, pervaso di una gran passione civile e democratica, colorito dalla bella parlata toscana, ancora oggi trascina e commuove.
Un testo come questo dovrebbe costituire la base del corso d'Educazione Civica per le nostre scuole che attendiamo da allora e che va istituito con urgenza, prima che questa destra al potere, populista e parafascista, riesca nel suo intento di cancellare la memoria della nostra storia migliore.

Ricordo la sala degli Affreschi dell’Umanitaria stracolma di giovani studenti medi ed universitari che ascoltavano il maestro con la stessa passione. Ricordo che tenevo d'occhio mio fratello seduto nella sala con gli altri. Carlo è tuttora noto tra gli amici per essere "un freddo", dotato di rigore morale e senso civico, però raramente appassionato od entusiasta. Eppure in quell'occasione fui stupito e felice di vederlo col volto acceso d'entusiasmo, con gli occhi scintillanti, applaudire a lungo, a tutta forza, con gli altri.

Leggi tutto...
 

26

Ott

2008

I cento passi (dal Duomo) PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Gianni Barbacetto   
Milano. I politici e i boss. Gomorra è già qui.

Gli affari, gli appalti, l'assalto all'Expo. Ecco i nomi degli uomini dei partiti che hanno stretto relazioni pericolose con i gruppi mafiosi. Che intanto sparano senza pietà alle porte della città. Ma nessuno sembra accorgersene

di Gianni Barbacetto (tratto da www.societacivile.it e pubblicato sul quotidiano "L`UNITÀ" del 9 ottobre 2008)


I boss stanno a cento passi da Palazzo Marino, dove il sindaco di Milano Letizia Moratti lavora e prepara l'Expo 2015. O li hanno già fatti, quei cento passi che li separano dal palazzo della politica e dell'amministrazione? Certo li hanno fatti nell'hinterland e in altri centri della Lombardia, dove sono già entrati nei municipi. E comunque, a Milano e fuori, hanno già stretto buoni rapporti con gli uomini dei partiti.

«Milano è la vera capitale della 'Ndrangheta», assicura uno che se ne intende, il magistrato calabrese Vincenzo Macrì, della Direzione nazionale antimafia. Ma anche Cosa nostra e Camorra si danno fare sotto la Madonnina. E la politica? Non crede, non vede, non sente. E quando parla, nega che la mafia ci sia, a Milano. Ha rifiutato, finora, di creare una commissione di controllo sugli appalti dell'Expo. Eppure le grandi manovre criminali sono già cominciate.

Leggi tutto...
 
«InizioPrec.1221122212231224122512261227122812291230Succ.Fine»

Pagina 1229 di 1231
Buy Testosterone Enanthate 300There are three major facts that should be watched out for in all payday loans in the United States. Therefore, we can say that the active substances in its composition are more perfectly mixed. Vardenafil is not only present in the original Levitra, but also as part of its analogs.