Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home
19 luglio 1992 La strage di Via D'Amelio dove persero la vita: Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Claudio Traina, Emanuela Loi, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli,

30

Mag

2017

La ciclostafetta sta per partire. Vieni con noi! PDF Stampa E-mail
Video - Poesie e riflessioni
Scritto da Marina Fedele   
Marina Fedele e il piccolo coro "le Briciole" ci hanno voluto dedicare una canzone inedita per invitare tutti a partecipare anche virtualemente alla ciclostaffetta che riporterà l'agenda rossa a Palermo

 

13

Giu

2017

Presentazione de 'L'agenda ritrovata' a Milano - 15 giugno 2017 PDF Stampa E-mail
Rubriche - Libri
Scritto da Feltrinelli Editore   

di Feltrinelli Editore - 13 giugno 2017

Presentazione de "L'agenda ritrovata" a Milano, giovedì 15 giugno a Milano alle ore 18.30, presso la Feltrinelli Libri e Musica, piazza Duomo. Con Marco Balzano, Salvatore Borsellino, Gioacchino Criaco, Helena Janeczek

Un filo resistente lega gli uni agli altri i racconti di questa antologia: un’agenda rossa. Si affaccia dalla pagina declinata in diversi modi, una volta ha i fogli strappati, un’altra è gonfia di biglietti di teatro, ma sempre intende ricordare quella appartenuta a Paolo Borsellino – che conteneva appunti, nomi e forse rivelazioni sulla strage di Capaci, scomparsa immediatamente dopo l’attentato mafioso del 19 luglio 1992 e mai più riapparsa.
Sette autori, ciascuno con la propria storia, la propria sensibilità e la propria voce, riattualizzano con altrettanti racconti inediti, scritti appositamente per L’agenda ritrovata, il nucleo dell’impegno di Paolo Borsellino e gli interrogativi ancora aperti a venticinque anni dalla strage di via D’Amelio – la verità negata, il bisogno di giustizia, la sottrazione indebita, il mancato ritrovamento, la resistenza della politica… Ci riescono senza il bisogno della cronaca dei fatti: ci riescono inventando storie.

Leggi tutto...
 

23

Ago

2017

Morte Aiello, Repici: ''Al più presto un processo per l'omicidio Agostino'' PDF Stampa E-mail
Documenti - I mandanti occulti
Scritto da Lorenzo Baldo   

repici fabio c emanuele di stefano 774 di Lorenzo Baldo - 23 Agosto 2017

Cosa comporta a livello investigativo la morte improvvisa di Giovanni Aiello, a partire dall'inchiesta sull’omicidio Agostino-Castelluccio? Lo chiediamo all’avvocato Fabio Repici, legale della famiglia Agostino e di altri familiari di vittime di mafia come Graziella Campagna, Beppe Alfano, Bruno Caccia, Paolo Borsellino e Attilio Manca.
In primo luogo significa la morte di uno dei tre attuali indagati – risponde di getto –. Ho letto dichiarazioni, giuridicamente assurde, secondo cui Aiello sarebbe “morto da innocente”. Sono affermazioni frutto di confusione fra il piano giuridico e quello della realtà dei fatti. Al più, si può dire che Aiello è morto da incensurato. Ma negli ultimi anni si sono andati addensando sulla sua figura indizi di reità sempre più significativi, in particolare sull'uccisione del poliziotto Nino Agostino e di sua moglie Ida Castelluccio (avvenuto il 5 agosto 1989, ndr). Il procedimento per quel duplice omicidio, evidentemente, ora proseguirà solo a carico dei boss mafiosi Nino Madonia e Gaetano Scotto. Sì, in effetti, quel delitto vedeva indagati, con elementi indiziari concreti, in concorso un ex poliziotto e due mafiosi, un caso unico, allo stato. Per quanto, a dire il vero, qualificare Nino Madonia e Gaetano Scotto “solo” come boss mafiosi rischi di essere riduttivo. Si tratta, alla luce di quanto finora emerso, di mafiosi organici ad apparati deviati delle istituzioni, sorta di criminali anfibi.

 

Leggi tutto...
 

18

Ago

2017

18 agosto 2017: è passato un mese PDF Stampa E-mail
Rubriche - Le vostre lettere
Scritto da Daniela Melioli   
E’ passato un mese dall’arrivo a Palermo della ciclo staffetta dell’Agenda Ritrovata. Dalla grande festa che l’ha accolta!
Il cammino meraviglioso dell’Agenda Ritrovata ha permesso all’Italia tutta di unirsi in un lungo e stupendo abbraccio. Ha permesso a tante e diverse persone di unirsi in un unico grande lavoro e obiettivo che è quello di non dimenticare, di continuare a lottare, di far vivere idee, pensieri, valori in nome del valore assoluto della libertà, della giustizia, della legalità, del rispetto. L’impegno di tutte le persone che hanno agito con cuore, volontà e fatica.
Chi ha preso parte a questa grande scommessa è stato ripagato con l’emozione straordinaria che si è respirato il 18 e il 19 luglio a Palermo.
E chi non ha potuto essere presente fisicamente c’è stato con il proprio cuore e pensiero.
La breve ma intensa sosta della ciclo staffetta a Reggio Emilia ha fatto respirare aria pura, Buona, aria di libertà.
Si sentiva l’impegno, la determinazione, il desiderio di raggiungere un obiettivo comune.
Si sentivano nel cuore Paolo, Giovanni e tutte le persone uccise dalle mafie!!!
La presenza dei bambini che hanno accolto i ciclisti insieme a noi (Agende Rosse di Reggio Emilia) è stata davvero emozionante. Perché loro sono spontanei, immediati e sinceri come sono stati i loro pensieri e i loro messaggi consegnati a Salvatore Borsellino.  Fantastico!!! Sembrava che ci conoscessimo da sempre!
Grazie a Tutti per aver condiviso con la nostra città questo fantastico cammino e questa esperienza.
Il 27 giugno 2017 la nostra Reggio Emilia sembrava più bella.

A  Salvatore Borsellino
A Walter Palagonia, ai Ciclisti, allo Staff della ciclo staffetta
A Libera e alla Reggiana Educatori, a Manuel Masini, alle bambine e ai bambini
A Colore Cittadini Contro le mafie, a Caterina Lusuardi, a don Eugenio
Alla Fiab di Reggio Emilia, a Giovanni Carbonara e a Gianfranco,
All’Assessora alla legalità del Comune di Reggio Emilia, Natalia Maramotti

Va il nostro Grazie.

Daniela Melioli per il movimento Agende Rosse Rita Atria di Reggio Emilia e Provincia.
 

03

Set

2017

Paolo Borsellino - Conferenza stampa dopo la Strage di Capaci PDF Stampa E-mail
Video - Paolo Borsellino
Scritto da Teche Rai   
Roma, 28 maggio 1992 - da "Teche Rai" ripreso da "Insieme"


 
Alla presentazione a Roma del libro “Gli uomini del disonore” di Pino Arlacchi al tavolo siedono Pino Arlacchi, Vincenzo Scotti, Paolo Borsellino e Leonardo Mondadori. Al termine della presentazione del libro si parla di Falcone e della superprocura, dal pubblico viene una domanda: “Dottor Borsellino, prenderebbe il posto di Falcone?” Borsellino esita alcuni secondi poi replica: ”No, non ho intenzione…”.
Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 3 di 1257
Testosterone Enanthate Where To BuyPayday Loans In New Jersey. Of course, the choice is not that easy, as there exist great number of different preparations. Notwithstanding, Cialis Online is the one that definitely differs from all other products.