Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Home Editoriali Impressioni ed emozioni su 'Donne e legalità'
Impressioni ed emozioni su 'Donne e legalità' PDF Stampa E-mail
Editoriali - Editoriali
Scritto da Daniela Melioli   
Domenica 14 Maggio 2017 15:00

di Daniela Melioli - 14 maggio 2017

Il risultato di questo evento è legato al desiderio di averlo voluto fortemente costruire, pensare, fare, e rifare, ripensare e modificare, costruire di nuovo… per permettere questo è servita (ed è bastata) la forza di (poche) donne.
Emozione forte quella di ascoltare donne che parlano di mafia e antimafia, che portano la loro storia e ci mettono la loro  faccia.
Donne che denunciano (e che hanno denunciato) donne che sanno quel che vogliono e/o non vogliono, donne che combattono, donne che soffrono, agiscono… sognano e vivono.
Cosa dire della musica: la musica è arte, è libertà, è sogno come il desiderio di questo gruppo di donne di cambiare le cose.
Le parole vanno usate con parsimonia, dice Stefano Mellini, unico uomo invitato a far parte del numeroso gruppo di donne.
Scelta voluta, precisa, attenta.
Attenta la nostra scelta e non facile, forse per lui, essere l’unico uomo.

Ma Stefano, le parole, le ha usate proprio bene… ha guardato le emozioni dritto negli occhi e le ha riveicolate nel cuore, permettendoci di emozionarci e di far scendere qualche lacrima, perché la storia che ci ha raccontato, ha il sapore della vita, ha il sapore della rinascita, della volontà, dell’unicità dell’uomo, della capacità di resilienza. 

Daniela Melioli
per Movimento Agende Rosse Rita Atria Reggio Emilia e Provincia





''Donne e legalità. Lotta alla mafia, al femminile'' - Castelnovo Ne' Monti, 9 Aprile


Domenica 9 aprile
alle ore 16 il Movimento Agende Rosse Rita Atria di Reggio Emilia e provincia presenta, presso il Teatro Bismantova a Castelnovo Ne' Monti (RE), l'incontro inititolato: "Donne e legalità. Lotta alla mafia, al femminile". 

Partecipano:
Margherita Asta, figlia di Barbara Rizzo e sorella di Giuseppe e Salvatore vittime di mafia

Fiorenza Brioni, ex sindaca di Mantova 

Maria Ferrucci, ex sindaca di Corsico (MI)

Sabrina Pignedoli, giornalista e scrittrice

Modera:
Giulia Gualtieri, giornalista 

Performance teatrale di Caterina Lusuardi e intervento musicale della violinista Simona Guerini. Letture di Stefano Mellini

L'evento 
facebook.com/events/155979531592051


“... Seppi successivamente che mia sorella Lucia non solo volle vedere ciò che era rimasto di mio padre, ma lo volle anche ricomporre e vestire all’interno della camera mortuaria. Mia sorella Lucia, la stessa che poche ore dopo la morte di mio padre avrebbe sostenuto un esame universitario lasciando incredula la commissione, ci riferì che nostro padre è morto sorridendo, sotto i suoi baffi affumicati dalla fuliggine dell’esplosione, ha intravisto il suo solito ghigno, il suo sorriso di sempre: a differenza di quello che si può pensare, mia sorella ha tratto una grande forza da quell’immagine del padre, è come se si fossero voluti salutare un’ultima volta”.
(dalla lettera “GRAZIE CARO PAPA’” di Manfredi Borsellino al padre)


È interessante pensare che è un uomo a parlare così di una donna (Manfredi parla di sua sorella Lucia). Certo una figlia, ma una donna! È lei quella che lo vuole vedere, vedere ciò che davvero sembra impossibile da vedere... non solo, è lei che lo vuole ricomporre per dargli di nuovo la sua immagine, il suo volto. È lei a trovare e ad avere la forza di continuare da subito la vita, sostenendo un esame. È lei a ritrovare il volto del padre quasi a voler dimostrare che quel volto e quel sorriso non possono essere cambiati e distrutti nemmeno da un’esplosione, nemmeno dalla morte. È lei che trova forza nel male più assoluto, nell’errore sordo, nella ferocia disumana, nella morte che uomini decidono per altri uomini.


È lei che trova il sorriso mai spento del padre, quasi a volerne continuare la vita e il lavoro. È lei che, dopo aver voluto vedere tanto orrore e sofferenza. Riesce a coinvolgere e a raccontare ai fratelli... ma come si può raccontare? È lei che lo riconosce, riconosce i baffi... che quelli sono i suoi baffi e che prende atto che qualcuno ha voluto quella morte... proprio quella del proprio padre. Spesso quando si pensa alle vittime di mafia si ricordano solo le vittime “dirette”. Chi è stato ucciso. E si tende a dimenticare le vittime che invece rimangono. Si tende a dimenticare che esistono donne che combattono le mafie... e che SANNO ANDARE OLTRE.



Per il Movimento Agende Rosse ‘Rita Atria’ Reggio Emilia e Provincia
Daniela Melioli





 

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Testosterone Enanthate Injection 250 MgGetting Payday Loans In California should be thought of many times. If you have already decided to take Levitra, be sure to consult a doctor, you don't have any contraindications and act strictly due to a prescription.