Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home Documenti Altri documenti Ciccio Miano: 'Belfiore mi disse che per l'omicidio Caccia dovevamo ringraziare i calabresi'
Ciccio Miano: 'Belfiore mi disse che per l'omicidio Caccia dovevamo ringraziare i calabresi' PDF Stampa E-mail
Documenti - Altri documenti
Scritto da Giuseppe Legato e Massimo Numa   
Sabato 18 Marzo 2017 11:09

di Giuseppe Legato e Massimo Numa - 17 marzo 2017

«Avvocato, ma perché mai i servizi segreti civili, in pieno terrorismo, si sono occupati di un pentito dei catanesi che agiva a Torino in un contesto criminale oggetto di indagini di polizia e carabinieri, degli apparati preposti alla repressione della malavita organizzata?». L’avvocato Fabio Repici, che tutela la famiglia del procuratore Bruno Caccia, ucciso da un commando dell’ndrangheta il 26 giugno 1983, sorride e non risponde. «Chiedetelo ai magistrati che indagavano subito dopo l’omicidio”. Intanto, ripreso di schiena, in video-conferenza, il pentito Francesco “Ciccio” Miano, pluriomicida, ha risposto alle domande del pm Marcello Tatangelo, della parte civile e dell’avvocato della difesa di Rocco Schirripa - unico imputato, ma solo per ora, del delitto - Mauro Anetrini, con una serie infinita di “…non ricordo, non mi pare…”. 


«Dovevamo ringraziare loro, i calabresi»  
Sicuro solo su un punto: “Domenico Belfiore - condannato all’ergastolo come mandante del delitto - mi disse che per quell’omicidio dovevano ringraziare loro, i calabresi, in particolare lui”. Registrò, con un sofisticato apparecchio a bobina, sistemato sul corpo durante i colloqui, avvenuti nel carcere dove erano entrambi detenuti, ben 36 conversazioni. Le trascrizioni storicizzano la nascita e la fine di quella strana alleanza, tra calabresi e siciliani, che insanguinò per anni le strade di Torino e dintorni, in un asset criminale che già sapeva di una fase due, cioè con gravi contiguità con il mondo degli affari e della politica sabaudi. Compresa una serie di sequestri di persona. 

«Killer da fuori? Non ricordo»  
La voce roca di Miano, con un accento marcatamente catanese, arriva indecisa e con un tono, se si può così definire, seccato e incerto. L’avvocato Anetrini lo riporta ai vecchi verbali e così lui, alla fine, conferma le sue parole di decenni fa: «Se ho detto quelle cose erano vere…». Anche quando il legale gli ricorda un fatto inquietante, cioè che - decisa la morte di Caccia . era stato concordato che i killer dovevano venire da fuori mentre i torinesi era meglio se ne andassero in vacanza, proprio in quel periodo. «Chi le annunciò la visita in carcere - incalza Repici - del dottor Ferretti del Sisde?». Milano: «Il medico Remo Urani… il resto non lo ricordo». Giudizio della parte civile: «Testimonianza reticente». 

«Uccidevamo per fare un favore»  
Segue il fratello di Ciccio Milano, Roberto. Anche lui in video-conferenza per motivi di sicurezza, anche perché il pentito Tornatore, in aula, ha detto che lui non parlerà più, anche rischiando una denuncia: «Ho paura per la mia famiglia e per me». Roberto precisa che gli unici interlocutori dei calabresi erano sempre Domenico Belfiore, Mario Ursini, Placido Barresi (mister 12 omicidi). Si incontravano nei bar del centro o in periferia, in Barriera Milano. «Ma comandava solo uno: Belfiore, Domenico Belfiore». Fece da tramite, gli ricorda Repici, il calabrese Mimmo Gullace, amico d’infanzia di Belfiore. Torna alla memoria il delitto del calabrese, 1976, di Paolo Gattuso. Massacrato dai catanesi a Vinovo su richiesta del clan Belfiore.  

«Caccia ce l’aveva con noi e loro»  
«Il procuratore era un duro, incorruttibile, inavvicinabile» e dunque «andava eliminato». Spuntano altri nomi: Calabrò, Latella, di nuovo Remo Urani. Era stato chiesto a Roberto Miano di aiutare lo Stato ad arrestare il latitante, il pluri-assassino, capo dell’organizzazione terrorista Prima Linea, Sergio Segio che in allora si nascondeva a Torino. Ma l’esecuzione di Caccia è stata ritardata di qualche mese su richiesta dei catanesi? «…Non ricordo…». Anche la difesa insiste sulla figura di Sergio Segio. «Mai conosciuto - dice Miano - avevamo avuto l'incarico di contattare una persona vicina a Prima Linea, un simpatizzante per arrivare poi a Segio». 

Si riprende il 29 marzo, con i testi convocati dalla parte civile. Oltre a Caccia, c'era un altro magistrato nel mirino: il giudice Sorbello. I catanesi dovevano occuparsi di quest'ultimo, i calabresi di Caccia. 


di Giuseppe Legato e Massimo Numa (La Stampa)


 

Comments:

Commenti
Cerca RSS
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

  Boldenone CycleFlorida Loans Online can help you in trying times, but be sure to know the laws necessary for your loan application. In this section we give only a brief summary recommendation for admission of Cheap Levitra. Full information can be found in the instructions for receiving medications with vardenafil.