Press "Enter" to skip to content

In ricordo di Matteo Vinci ucciso dalla ‘ndrangheta a Limbadi

“Un anno senza Matteo”: la soddisfazione degli organizzatori per la grande partecipazione, anche dei limbadesi, alla Giornata servita a creare le basi per una Memoria organizzata e strutturata in alleanza con la comunità

Proprio per superare i limiti di una “memoria di Matteo Vinci” rimasta ad un anno dalla sua morte non strutturata, avevamo distinto nella Giornata a lui dedicata il 9 aprile una parte commemorativa – con la deposizione dei fiori nel luogo dell’autobomba, la lettura di poesie e il suono degli strumenti di un’orchestra – e una parte dedicata all’impegno politico-sociale che nel suo nome cittadini, associazioni e istituzioni assumono per il futuro. In questo senso, molto partecipato e proficuo si è rivelato l’incontro pubblico tenutosi nel Municipio, terzo e ultimo momento di una manifestazione articolata che tutto sommato ha rispettato gli orari previsti e ha subito solo un cambio di programma – il concerto dei ragazzi di Catania tenutosi nella casa della famiglia Vinci e non nel Palazzo comunale – per espressa volontà dei genitori di Matteo.


Nell’incontro finale, protrattosi fino ad oltre le 20 con una partecipazione rimasta fitta e attiva fino alle conclusioni, sono stati tanti gli interventi costruttivi dopo l’introduzione che abbiamo voluto affidare al prefetto Antonio Reppucci – presidente della commissione straordinaria nominata alla guida del Municipio – che ha partecipato indossando la fascia, e che è stato ringraziato anche per l’aiuto concreto che l’amministrazione comunale ha fornito. Tra i punti qualificanti emersi dalle varie e spesso toccanti testimonianze, va sottolineata la decisione degli organizzatori – che hanno operato per spirito di impegno sociale volontario e per una “promessa morale” fatta alla famiglia Vinci in occasione dei funerali di Matteo – di studiare la modalità attraverso cui, assieme alla partecipazione attiva dei limbadesi, proporre l’intitolazione di una struttura pubblica alla memoria del compianto giovane Matteo.

ricordo matteo vinci pubblico
In questo senso, cogliendo l’occasione dell’intervento del sacerdote don Fiorillo – che ha parlato in rappresentanza dell’associazione Libera e di un nutrito gruppo di iscritti presenti attivamente all’incontro – abbiamo proposto di darci appuntamento a breve per favorire un incontro operativo da tenersi in paese, se possibile con il coinvolgimento della Chiesa e di quanti sono disposti a raccogliere l’appello che abbiamo voluto lanciare con la Giornata. Appello pure ripreso e rilanciato da Salvatore Borsellino, che si è collegato via Skype con l’assemblea: ovvero creare per il futuro una Memoria strutturata e organizzata che favorisca la partecipazione attiva dei limbadesi attraverso meccanismi di socialità atti a sconfiggere le perverse logiche mafiose. Da tanti è stata stigmatizzata l’assenza dei rappresentanti del Governo, del Parlamento, della Regione, della provincia. Come organizzatori sentiamo il dovere di precisare e sottolineare che molto nutrita si è rivelata la partecipazione dei cittadini di Limbadi – alcuni dei quali sono stati da noi ringraziati anche per l’aiuto concreto offerto affinché le tre manifestazioni si svolgessero al meglio – in una sala dove, inoltre, è stato anche notata la presenza del parroco don Ottavio Scrugli, al quale, certamente, sarà giunta la nostra delusione per non aver potuto usufruire della sua collaborazione nell’organizzazione della Giornata.
La presente nota serve anche a smentire le notizie secondo cui a organizzare la Giornata sarebbe stata una Fondazione (di Catania) e il Comune di Limbadi e, soprattutto, a ringraziare quanti hanno partecipato e coloro che sono intervenuti.

Gli organizzatori della Giornata “Un anno senza Matteo…”

Francesca Munno

Francesco Saccomanno
Agostino Pantano

 

Salvatore Borsellino ha affermato: ‘D’ora in poi alzerò l’agenda rossa per Paolo e anche per Matteo… In Sara ho rivisto gli occhi di mia madre quando ci disse di andare dovunque per non far morire il ricordo di Paolo. Da oggi l’agenda rossa che ricorda mio fratello e gli uomini della scorta ricorderà anche matteo. Un sogno d’amore guida la lotta per avere giustizia e nessuno ha mai inventato una bomba che uccide l’amore’.

 

 

Comments are closed.