Press "Enter" to skip to content

Fare impresa a Reggio Emilia. Sfide e complessità.

Quando:
10 novembre 2018@16:30
2018-11-10T16:30:00+01:00
2018-11-10T16:45:00+01:00
Dove:
Sala Rossa
Municipio di Reggio Emilia
piazza Prampolini 1
Contatto:
Agende Rosse di Reggio Emilia e Provincia
3347824991

Il processo Aemilia ha  indotto  consapevolezza in molti cittadini. Si è dovuto constatare che la crisi non è stata solo indotta da avverse condizioni di mercato. Ma anche e sopratutto  dall’infiltrazione ‘ndranghetistica. Il percorso è risultato chiaro. Improvvisate aziende provenienti dal sud-Italia, hanno vinto appalti a non finire,  le loro proposte erano vantaggiose, fino al 24% di ribasso, rispetto alle aziende locali. Ma ancora, le  ns aziende locali  oltre a soffrire i mancati appalti, necessitavano (e necessitano?) di recupero crediti  e di liquidità e li trovarono (e trovano?) personaggi pronti a far loro questo servizio. Recupero crediti, finanziamenti pronti.  E così il titolare dell’azienda diventò e diventa (forse senza avvedersene?) un prestanome. E lui,  la sua azienda, l’ha persa e l’ha già persa. E ai nuovi ‘padroni’  dell’azienda non importano gli obiettivi produttivi e chi vi lavora. Altri sono gli obiettivi  della ‘ndrangheta tra cui conquistare, defraudare e distruggere il territorio e chi lo abita. 

L’arrivo a Reggio Emilia, nel 2009,  della prefetto Antonella De Miro, ruppe  un sistema di connivenze, attraverso  la giustizia amministrativa,  nell’interdittiva antimafia nei confronti di un consorzio di imprese in odore di ‘ndrangheta. Si adoperò nella prevenzione e lotta contro le infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici e negli enti locali. Furono i primi movimenti  che portarono ad indagini e al  processo Aemilia.

E’ così che nasce l’esigenza di proseguire un cammino. Ora con Paolo Borrometi. C’è sempre da squarciare la  cappa silente, di non far sentire soli gli operatori economici. L’iniziativa è specifica per imprenditori, amministratori pubblici locali. E’ diretta anche a operatori sociali come i dirigenti scolastici di Istituti superiori che preparano i giovani al lavoro, ad associazioni. Il territorio è tutt’uno. I settori non possono essere separati. Nella separazione si infiltra distanza e vuoto.

Paolo Borrometi  dialogherà con Gabriele Franzini, esperto di economia e direttore di Telereggio.  Libera Reggio Emilia è con noi in questa iniziativa.