Press "Enter" to skip to content

Posts published in “Le vostre lettere”

Le lettere che riceviamo e pubblichiamo

All’Ambasciatrice della speranza

Rita Borsellino, Ambasciatrice della speranza
Lina La Mattina e Rita Borsellino

di Lina La Mattina

 

All’Ambasciatrice della speranza… Chista è la puisia ca tutti avissimu a sturiari, p’arricurdari cu era Rita… la puisia ca ogni santu jornu iu leggiri vulissi…

 

 

 

ALL’AMMASCIATRICI DI LA SPIRANZA

Parti arriva, va luntanu a parrari a li picciotti
acchiana e scinni di l’aeriu
palumma sempri ‘n volo a purtari
missaggi di paci, amuri, legalità e spiranza.
Ventu trona, gammi e vrazza rutti
non la ferma nuddu e nenti!
Chesi e scoli sempri chini di picciotti, di parrina.

Parti Rita, arriva, penza e cunta:
di lu frati, di li jochi, e di quannu magistratu
oramai stancu e sulu, mancu doppu
la morti di l’amicu Giovanni, arrenniri si vosi!
Campava assirragghiatu pi non cadiri
comu musca nni la riti
spinnatu di curriri comu ventu strati strati.

Faceva la vita di n’aceddu carciaratu
pigghiava l’aria a muzzicuna…
e poi una duminica sutta lu suli cucenti
non muzzicò chiù nenti
né mafia né mafiusi, né fausi amici
né nimmici c’a pisu e tastu lu vinneru,
mittennulu ‘n cruci sutta la casa di la matri.

Non c’era Rita, era fora cu li figghi e lu maritu!
Non c’era m’annurbò pi lu duluri,
e lu tritolo ca nni la vucca sgangulata di la strata
sei nnuccenti s’agghiuttiu
sfardò puru lu velu c’ammugghiava la so’ vita..
parti Rita, penza, cunta, cu dicizza, senza odiu
nni la panza, nni lu cori, nni la vuci…

Tistamentu di la matri lu pirdunu…
cunta Rita, di la notti, di la vuci ca ci parra
‘nzutta ‘nutta, di lu fittu ciuciliu
e lu stranu vinticeddu chi accarizza Via D’Ameliu
di l’alivu cosa strana ca vinutu di luntanu
atticchiu dintra ‘na fossa
ed è carricu di paci, ed è carricu d’alivi.

Torna Rita, torna e cunta: a li voti
non lu fa a paroli, ma nna l’occhi senza chiantu
s’assicutanu palummi e s’agghiuttinu rigordi…
parra cunta e la genti chiù non ciata
parra cunta e la genti si cummovi
parra cunta, e nni la genti ca l’scuta nasci lesta
‘na bannera… la bannera di la paci…

Ma non havi tri culura, e non è di lu partitu
non è mancu di lu Statu, né di amici
e paisi traditura, ca lu frati omu giustu e di cori,
‘nsemmula ad ancili senz’ali ammazzaru
la bannera di la vita chi ciauria giustizia e virità
è chiantata nni lu celu di li cori!
Ed è ventu di spiranza ca la fa sbintuliari !

8 marzo 1996 LINA LA MATTINA