Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home

Donazioni

Paypal o Carta di Credito:

Bonifico:
ASSOCIAZIONE LE AGENDE ROSSE
IBAN IT19D0335901600100000116925









 




In Primo Piano

19 luglio 1992: la pista del castello Utveggio e le indagini su Bruno Contrada


di Marco Bertelli - 25 aprile 2015


Il 23 maggio 2001 Gioacchino Genchi, vice-questore di Polizia e consulente dell’Autorità Giudiziaria, depose nel corso di un’udienza del processo di appello ‘Borsellino BIS’. In quella sede, Genchi illustrò in dibattimento la pista investigativa seguita nel 1992 assieme al capo della squadra mobile di Palermo Arnaldo La Barbera per individuare mandanti ed esecutori della strage di via D’Amelio. Si trattò di indagini coordinate dai PM Ilda Boccassini e Fausto Cardella della procura di Caltanissetta, all’epoca retta da Giovanni Tinebra. Nell’ambito di quel filone investigativo, Genchi e La Barbera cercarono di mettere a fuoco elementi ed indizi sugli autori della strage che rimandavano ed ambienti esterni all’organizzazione criminale Cosa Nostra e che con questa avrebbero potuto interagire nell’accelerazione della fase esecutiva della strage. Il filone di indagine subì una brusca battuta di arresto all’inizio del mese di dicembre 1992, nel momento in cui La Barbera fu inaspettatamente richiamato a Roma presso il Ministero dell’Interno e messo a disposizione.


 



La città di Palermo vista dal punto panoramico del castello Utveggio

Quando, su pressione di Boccassini e Cardella, La Barbera e Genchi furono nuovamente destinati dal Viminale ad occuparsi delle indagini sulla strage, i due funzionari di Polizia ripresero il loro lavoro formando il gruppo investigativo ‘Falcone-Borsellino’. Agli inizi di maggio 1993, tuttavia, Gioacchino Genchi decise di lasciare il gruppo in quanto non più in sintonia con le scelte operative prese da Arnaldo La Barbera, deciso a procedere con il fermo immediato di Pietro Scotto, sospetto autore dell’intercettazione telefonica abusiva sulla linea FioreBorsellino, e ad interrompere il lavoro investigativo in corso su Gaetano Scotto, fratello di Pietro e sospetto mafioso appartenente alla famiglia operante al rione Acquasanta di Palermo.

Leggi tutto...
 

Ordina un DVD o un'Agenda Rossa



Appuntamenti

29

Mag

2015

Matteo Silenzi scrive a Salvatore Borsellino: 'II mio punto di vista sulla vicenda Zacheo' PDF Stampa E-mail
Scritto da Matteo Silenzi   
di Salvatore Borsellino - 29 maggio 2015

Ricevo e pubblico questa lettera di precisazione da parte di Matteo Silenzi, candidato per una delle liste della coalizione che sostiene la candidatura di Pasquale Zacheo a sindaco di Fermo. Ritengo giusto pubblicarla anche per il suo tono assolutamente non polemico. Non pubblicherò niente altro relativamente a questa vicenda. Sono infatti molto rammaricato per essermi lasciato coinvolgere in polemiche relative a situazioni locali di cui non ho diretta conoscenza soltanto per aver voluto accettare la richiesta di Pasquale Zacheo, che conosco ed ho sempre stimato perché lo associo, nella mia mente, a quel Luigi de Magistris a cui mi lega un particolare rapporto di stima e di amicizia. Dalle conseguenze mediatiche del messaggio che gli ho inviato credo che avrei fatto meglio ad evitare, come ho sempre cercato di fare, di coinvolgere il mio nome non in questioni politiche, perché è impossibile farlo a meno di ritirarsi in meditazione in un monastero, ma in questioni relative a competizioni elettorali.

Salvatore Borsellino
Leggi tutto...
 

22

Mag

2015

"Ibridi connubi". Dal "gioco grande" intuito da Giovanni Falcone fino ai giorni nostri - 22 Maggio PDF Stampa E-mail
Scritto da Redaziona AM2000   
20150522-ibridi-connubidi Redazione AM2000 - 22 maggio 2015

Diretta streaming!
Palermo, venerdì 22 maggio 2015 ore 18.00, presso la Sala Scarlatti del Conservatorio “V. Bellini” (via Squarcialupo, 45) avrà luogo la conferenza"Ibridi connubi". Dal "gioco grande" intuito da Giovanni Falcone fino ai giorni nostri, organizzata dall'Associazione culturale Falcone e Borsellino e patrocinata dal Comune di Palermo in occasione del 23° anniversario della strage di Capaci.

 

Interverranno in qualità di relatori Antonino Di Matteo, sostituto procuratore di Palermo; Piergiorgio Morosini, magistrato, presidente della Commissione Riforme del Csm; Sebastiano Ardita, procuratore aggiunto di Messina; Stefania Limiti e Giuseppe Lo Bianco, entrambi giornalisti e scrittori; Giorgio Bongiovanni, direttore della rivistaAntimafiaDuemila.

Già nell’aprile 1986 Falcone parlava di “realtà estremamente inquietanti e particolarmente complesse, fatte di ibridi connubi fra criminalità organizzata, centri di poteri extraistituzionali e settori devianti dello Stato, che hanno la responsabilità di avere tentato ad un certo punto perfino di condizionare il libero svolgimento della democrazia e di avere ispirato crimini efferati”.

Leggi tutto...
 

21

Mag

2015

'Slurp', servi di redazione. Cos’è successo all’informazione in Italia secondo Marco Travaglio PDF Stampa E-mail
Scritto da Rossella Guadagnini   
di Rossella Guadagnini  - 17 maggio 2015

L’informazione al servizio della democrazia come cane da guardia del potere? La libertà di stampa come ‘bene comune’ da difendere? Siamo giornalisti o servi di scena? Il direttore del Fatto Quotidiano risponde a MicroMega, in occasione dell’uscita del suo ultimo libro “Slurp” (Chiarelettere), sulla ‘zerbinocrazia italiota’.

intervista a Marco Travaglio di Rossella Guadagnini

“Chi ci ha ingannati tradendo il dovere di informarci ha le stesse colpe di chi ci ha sgovernati promettendo di salvarci. E se né gli uni né gli altri hanno mai pagato un centesimo per le proprie responsabilità, è perché leccatori e leccati sono indissolubilmente legati. Simul stabunt, simul cadent”. Marco Travaglio dedica il suo nuovo libro, “Slurp” (edito da Chiarelettere e presentato in anteprima il 17 maggio al Salone del Libro di Torino) a chi usa la lingua “per parlare, per denunciare, per urlare, per fare pernacchie”.

Leggi tutto...
 

28

Mag

2015

Salvatore Borsellino: 'Non so se riscriverei il messaggio a sostegno di Pasquale Zacheo' PDF Stampa E-mail
Scritto da Salvatore Borsellino   
di Salvatore Borsellino - 28 maggio 2015

Su sua sollecitazione ho scritto un messaggio di sostegno a Pasquale Zacheo perché per me è quell'investigatore che insieme a Luigi de Magistris conduceva quelle inchieste che a quest'ultimo furono indegnamente strappate costringendolo a lasciare la magistratura. Avrei voluto che Zacheo mi avesse detto che è destinatario di un avviso di fine indagini, avrei voluto che mi avesse detto che i suoi compagni di viaggio, le liste che lo appoggiano non sono esattamente quelle che io avrei sperato, che quelle liste sono sostenute anche da personaggi impresentabili legati ai vecchi poteri, liste che fanno capo anche a quel PD che è arrivato a condurre una trattativa a scena aperta con un condannato in via definitiva ed assegnato ai servizi sociali per riformare la nostra Costituzione.
Se me lo avesse detto, non so se quel messaggio di sostegno io lo avrei mai scritto.

Salvatore Borsellino


LINK:
“La storia delle persone non si dissolve con una campagna elettorale”. Zacheo replica agli attacchi e legge la lettera inviatagli da Salvatore Borsellino (Paolo Poletti, www.informazione.tv, 28 maggio 2015)

 


 

21

Mag

2015

Le Notti della Memoria, IV Edizione - Palermo, 23 Maggio 2015 PDF Stampa E-mail
Scritto da AA. VV.   
Arte, Musica, Parole, ...interrogativi e riflessioni.

E’ così che noi, semplici cittadini, vogliamo onorare il ricordo di Giovanni Falcone, di sua moglie Francesca Morvillo, e dei ragazzi della sua scorta, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Rocco Dicillo.

Per questo motivo, a 23 anni dalle stragi del 1992, il 23 maggio 2015, il Comitato Ventitre’ Maggio, il gruppo Agende Rosse 'Paolo Borsellino' Palermo e l'Associazione Culturale Falcone e Borsellino, con il Patrocinio del Comune e l’adesione di altre associazioni e liberi cittadini, organizzano la IV Edizione de “Le Notti della Memoria”.

L’evento - ad ingresso gratuito (pre-registrazione online, per prenotazione posti, al link sottostante) - avrà inizio alle ore 21:00 e si terrà al CineTeatro Golden di Palermo, in Via Terrasanta n. 60.

Leggi tutto...
 

14

Mag

2015

'Peppino Impastato, quei 100 passi tra Stato e mafia' - Bari, 15/5/2015 PDF Stampa E-mail
Scritto da Agende Rosse Bari e Ass. Cult. Santa Madre di Puglia   
di Agende Rosse Bari e Ass. Cult. Santa madre di Puglia - 14 maggio 2015

Venerdì 15 Maggio, ore 11:00, presso la Facoltà di giurisprudenza di Bari (2° piano, aula 3), riviviamo il ricordo di Peppino Impastato, raccontato da suo fratello Giovanni.
A moderare l’incontro i coordinatori delle associazioni organizzatrici, Savino Percoco del Movimento Agende Rosse della Prov. di Bari (gruppo Giuseppe Di Matteo) e Roberto Varricchio dell’ass. culturale Santa Madre Puglia.
Un importante appuntamento intitolato “quei 100 passi tra Stato e mafia” in cui verranno ripercorsi le fasi salienti della vita di Peppino, un giornalista, poeta e attivista nato a Cinisi (PA) da una famiglia di origine mafiose, da cui prese le distanze etico /culturali rompendo persino i legami con suo padre Luigi.
Memorabili le sue scenografiche denunce, nelle quali, attraverso la satira su giornali, esposizioni fotografiche di piazza ed il programma radiofonico “onda pazza” di Radio Aut, beffeggiava mafiosi (Tano Seduto …) e politici collusi.
Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 937
Payday Advance In Detroit MiOnline LoansUnited States Viagra OnlinePayday Loans in Weston ConnecticutGoogleNews
 

Petizione Agostino

Fino all'ultimo giorno della mia vita

Ultimi Commenti

Pagina Facebook