Increase Font Size Option 6 Reset Font Size Option 6 Decrease Font Size Option 6
Home

Donazioni

Paypal o Carta di Credito:

Bonifico:
ASSOCIAZIONE LE AGENDE ROSSE
IBAN IT19D0335901600100000116925









 




In Primo Piano

Palermo, XXIV anniversario della strage di via d'Amelio - Il programma 17/18/19 luglio 2016

di Movimento Agende Rosse - 27 giugno 2016

“Speriamo che cambi il vento, che venga il libeccio, e che si porti via quest’afa” (Paolo Borsellino)

Palermo. Sono passati ormai ventiquattro anni da quando Paolo Borsellino pronunciò queste parole. Sperava che arrivasse un vento che spazzasse via quella cappa che già allora soffocava il nostro paese. Un vento di un'aria nuova, pulita, fatta di onestà, senso civico, rispetto e coraggio.

L’Associazione 'Le Agende Rosse', nell'anno in cui si ricorda il XXIV Anniversario delle stragi di Capaci e di via d'Amelio, invita tutti i cittadini a riflettere sull'importanza di quei tragici avvenimenti. La manifestazione, che è organizzata in collaborazione con il Centro Studi Paolo Borsellino, l’Agesci, la CGIL Sicilia e il SIAP, prenderà il via domenica 17 luglio 2016 a Palermo presso la Casa di Paolo in via della Vetriera e si concluderà martedì 19 luglio in via Mariano D’Amelio, dove persero la vita il Giudice Paolo Borsellino e gli agenti della Scorta: Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Claudio Traina e Vincenzo Fabio Li Muli.



Domenica 17 luglio 2016

Il sogno di Salvatore Borsellino si è finalmente realizzato: la Casa di Paolo da un anno è il posto DOVE CHIUNQUE PUO’ ANDARE A TROVARE PAOLO, non al cimitero, non nella strada dove l'hanno ucciso, ma nel quartiere dove è nato, dove ha giocato per le strade, dove è andato a scuola insieme a tanti bambini alcuni dei quali sono poi finiti nelle spire perverse della mafia, del cancro che corrode la nostra terra.
L'obiettivo della Casa di Paolo è quello di dare un'alternativa a chi, per vari motivi, un'alternativa sembrerebbe non averla. Offrire ai ragazzi del quartiere degli strumenti validi affinché possano usufruirne quando, divenendo uomini, dovranno entrare nel mondo del lavoro. Come se, con il suo ultimo sorriso, Paolo volesse dire "Sapete che c'è? Che a nulla servirà questo fuoco e questo fumo, a nulla serviranno questi palazzi sventrati e queste lamiere distrutte. Ed anche se queste urla di madre rimarranno immutate nel tempo, so che ci sarà sempre qualcuno pronto a non dimenticare ciò che è successo. E soprattutto, so che i miei cinque ragazzi continueranno a vivere in tutti quei giovani che urleranno la propria resistenza. Ora, e per sempre".
Leggi tutto...
 

Ordina un DVD o un'Agenda Rossa



Appuntamenti

30

Giu

2016

Armonia, festival in ricordo di Bruno e Carla Caccia - Edizione 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Ufficio stampa di Acmos e Libera Piemonte   
di Ufficio stampa di Acmos e Libera Piemonte - 28 giugno 2016

Con Armonia, l'arte libera il bene, da ormai 8 anni ricordiamo con l'arte e la bellezza Bruno Caccia, magistrato assassinato dalla 'ndrangheta a Torino, il 26 giugno del 1983.
Lo facciamo in un luogo un tempo appartenuto alla famiglia Belfiore: il mandante dell'omicidio, Domenico Belfiore, ha vissuto in questa cascina, che oggi è dedicata al magistrato e a sua moglie Carla.
In questi 3 giorni, centinaia di cittadini hanno partecipato alle serate che hanno proposto buon cibo, arte e ottima musica.
Ecco il racconto del festival.

Ufficio stampa di Acmos e Libera Piemonte
Leggi tutto...
 

26

Giu

2016

Agende Rosse Messina, pubblicati gli elaborati del progetto scuole 2015/2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Giusy Mattaliano   
di Giusy Mattaliano - 26 giugno 2016

Anche quest'anno il Movimento Agende Rosse Messina Gruppo Graziella Campagna ha aderito al patto territoriale presentando come progetto di legalità "La strage di Via D'Amelio. Le verità sull'agenda rossa di paolo Borsellino".
Il progetto consiste nella lettura del libro "Paolo Borsellino e l'agenda rossa" redatto dalla redazione del sito www.19luglio1992.com.
Le scuole che hanno aderito al progetto di quest'anno sono state:
  • L'Istituto comprensivo Pascoli Crispi
  • L'istituto comprensivo Villa Lina- Ritiro
  • L'Istituto Comprensivo San Francesco di Paola
  • L'Istituto Comprensivo Boer Verona Trento.
Leggi tutto...
 

26

Giu

2016

Tre giorni per ricordare Bruno Caccia fino al 26 giugno PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione La Stampa   

di Redazione La Stampa - 24 giugno 2016

Torino. Tre giorni di musica e memoria. Tre giorni, soprattutto, di giovani: da venerdì 24 a domenica 26 giugno ritorna «Armonia, l’arte libera il bene», il festival con cui Libera ricorda Bruno Caccia, procuratore Capo della Repubblica di Torino ucciso dalla ’Ndrangheta il 26 giugno ’83. 
L’appuntamento è a Cascina Caccia, in via Serra Alta 6 a San Sebastiano da Po: il podere confiscato a Domenico Belfiore (mandante dell’assassinio), che la rete antimafia di Don Ciotti ha trasformato in un centro di educazione alla legalità. 
Sarà l’ottava edizione. Armonia inaugura venerdì 24 alle 19, con una marcia in onore di Caccia. Il ritrovo è in via Rigonda e di qui si sale a piedi fino alla Cascina: al corteo partecipano anche gli amministratori locali (il Comune sostiene la kermesse). Segue il buffet, con la testimonianza dei famigliari del magistrato. Poi alle 21 tocca all’arpista e cantautrice Cecilia, recentemente chiamata ad esibirsi ai concerti di Francesco De Gregori e Niccolò Fabi. Sabato 25 e domenica 26 gli orari sono gli stessi: la Cascina apre dalle 19,30 per la cena. Sabato gli ospiti sono Davide Mattiello, deputato membro della Commissione Parlamentare Antimafia e Benedetto Zoccola, vicesindaco di Mondragone più volte minacciato. Alle 21 le note dei The Bouncing Cats, formazione composta dal bassista Gianmaria Ferrario, il pianista Sergio Di Gennaro e il batterista Alessandro Minetto, una band ispirata ai piano trio americani del secolo scorso.

Leggi tutto...
 

26

Giu

2016

Ayala, Mutolo e la calunnia che non c'è PDF Stampa E-mail
Scritto da Giorgio Bongiovanni   
di Giorgio Bongiovanni - 22 giugno 2016

Non c’è il reato di calunnia da parte del collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo nei confronti dell’ex giudice Giuseppe Ayala. Il Gup di Roma, Riccardo Amoroso, lo scorso 28 aprile ha pronunciato la sentenza dichiarando il “non luogo a procedere” perché “il fatto non costituisce reato”.
Ma andiamo per ordine. Nel corso di un’udienza al processo Borsellino quater (maggio 2014), rispondendo alle domande dell’avvocato Fabio Repici (legale di Salvatore Borsellino) aveva definito l’ex magistrato “una figura ambigua”, riferendo alcuni elementi per cui era arrivato a tale conclusione. “Prima del maxiprocesso - aveva dichiarato - mandai a dire a Riina che potevo intercedere per Signorino e per l'altro pm Ayala. Lui mi disse ‘fatti il carcerateddu e poi fuori ci pensiamo noi’. Al momento dell'imputazione, a me hanno chiesto 25 anni e al mio capo mandamento, Giacomo Giuseppe Gambino, hanno chiesto solo 10 anni. Questo lo vedo come un ‘favore’ che Ayala ha fatto a Gambino”. E poi ancora: “Queste cose le dissi anche al giudice Natoli. Gli raccontai di questo episodio e lui tempo dopo mi spiegò che Ayala aveva scambiato “u'tignusu” (Giacomo Giuseppe Gambino) per un altro Gambino della Guadagna che era comunque a processo. A Natoli avevo detto di questo fatto di Ayala ma non insistetti anche perché ormai era entrato in politica e non lo facevo come un pericoloso. Per me restava una figura ambigua. Seppi da Enzo Sutera, mafioso di Partanna Mondello, che c'era chi ci portava droga. E si diceva che avesse il vizio del gioco”. Queste dichiarazioni avevano portato l’ex sostituto Procuratore della Repubblica di Palermo, Giuseppe Ayala, a denunciare per calunnia il collaborante (difeso dagli avvocati Nisticò e Biondi).
Secondo il giudice però “gli elementi acquisiti sono del tutto inidonei a sostenere l’accusa in giudizio nei confronti dell’imputato”.


Leggi tutto...
 

26

Giu

2016

Grosseto, le Agende Rosse ricordano Paolo Borsellino - 8 luglio 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Patricia Ferreira e Guido Di Gennaro   
di Patricia Ferreira e Guido Di Gennaro - 26 giugno 2016

Si avvicina un nuovo anniversario della strage di Via D'Amelio. Nonostante siano trascorsi ormai 24 anni da quella terribile domenica di metà luglio del 1992, la verità sul movente e sui mandanti della strage in cui persero la vita il Giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta (Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Fabio Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina), non è ancora completamente emersa. Ci sono, come afferma il Magistrato Nino Di Matteo, "buchi neri". Il Gruppo Agostino Catalano – Maremma del Movimento delle Agende Rosse, che nasce con il preciso scopo di agire affinché sia fatta piena luce sulla strage, organizza un incontro venerdì 8 luglio alle ore 21:00 presso la Sala Friuli in Piazza San Francesco a Grosseto, per ricordare e riflettere.   

La serata inizierà con una breve presentazione delle Agende Rosse a cura dei coordinatori del gruppo.

Leggi tutto...
 

16

Giu

2016

Via D’Amelio, Genchi smentisce il pm PDF Stampa E-mail
Scritto da Sandra Rizza   

di Sandra Rizza - 16 giugno 2016

L’ultimo “giallo” sul depistaggio di via D’Amelio irrompe nel Borsellino quater contrapponendo due testi eccellenti come l’ex aggiunto di Caltanissetta Nico Gozzo e il consulente informatico Gioacchino Genchi che hanno riferito versioni totalmente diverse su una vicenda che scaturisce da alcune confidenze di Bartolo Luppa, ex fidanzato di Lucia Borsellino, e tira in ballo ancora una volta Arnaldo La Barbera e le pressioni su Vincenzo Scarantino. Risultato? Sia Genchi che Iuppa, che Lucia e Manfredi Borsellino saranno risentiti in aula, mentre sull’audizione di Gozzo, già respinta dalla Corte d’assise perché giudicata incompatibile sulla base dell’articolo 197 (dal momento che il magistrato, oggi sostituto pg a Palermo, è stato pm del processo), pende ora un’eccezione di incostituzionalità sollevata dall’avvocato Pino Scozzola che il presidente Antonio Balsamo si è riservato di sciogliere alla prossima udienza del 12 luglio.

Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 989
Florida Payday Loans can help you in trying times, but be sure to know the laws necessary for your loan application.
 

Petizione Agostino

Fino all'ultimo giorno della mia vita

Ultimi Commenti

Pagina Facebook

Da AntimafiaDuemila